Intro dell’album “Non si può fermare il vento”, Atarassia Grop

Quando l’angelo arrivò, il ragazzo ancora dormiva, non lo svegliò 
Si tolse le ali, poi si distese adagio accanto al ragazzo 
Chiuse gli occhi e in silenzio ascoltò il sogno 
Il ragazzo sognava tanto forte che dagli occhi dell’angelo uscirono due lacrime di sangue 
Due lacrime rosse che lentamente solcarono il viso dell’angelo, poi caddero a terra senza far rumore 
Quando il ragazzo si svegliò, trovò accanto a sè il sasso e la fionda 
Capì in cuor suo che quello che stava sorgendo era il giorno buono 
Aprì la porta e un raggio di sole lo colpì dritto in faccia 
Sentì allora un tepore dentro, quella calma che assomiglia alla forza 
Sorrise al sangue suo che sentì vivo sotto la pelle dell’anima 
E scalzo andò verso l’eternità

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s